top of page

Qualità dell'aria: non è proprio come pensiamo

Quando si parla di qualità dell'aria, tutti pensano immediatamente alla CO2. Che è certamente un problema. Ma è solo una faccia della medaglia. O meglio, del prisma.




La CO2 è un problema, ma non l'unico


L'attenzione globale sulla qualità dell'aria è cresciuta in modo esponenziale, soprattutto a causa del riscaldamento globale e delle emissioni di gas serra indotte dai cambiamenti climatici. 


Sebbene la CO2 sia spesso al centro delle discussioni, è ora di chiarire che l'inquinamento atmosferico è un fenomeno complesso e sfaccettato. In questo articolo esploreremo perché, diversamente da quanto si pensi, non è solo la CO2 a giocare un ruolo nel complesso quadro della qualità dell'aria, ma ci sono anche tanti altri attori come i gas serra, il metano, le particelle fini e persino i contaminanti biologici, tipicamente virus e batteri.


L'intera famiglia dei gas serra

I gas serra sono sostanze presenti nell'atmosfera terrestre che intrappolano il calore, provocando il riscaldamento del pianeta. Mentre alcuni gas serra sono naturali e necessari per mantenere un clima abitabile, le attività umane ne hanno aumentato significativamente le concentrazioni, contribuendo al cambiamento climatico.


I 7 gas serra più importanti, oltre alla CO2

Ecco i sette principali gas serra diretti previsti dal Protocollo di Kyoto:

  • Anidride carbonica (CO2)

  • Metano (CH4)

  • Protossido di azoto (N2O)

  • Idrofluorocarburi (HFC)

  • Perfluorocarburi (PFC)

  • Esafluoruro di zolfo (SF6)

  • Trifluoruro di azoto (NF3)

Questi gas contribuiscono direttamente al cambiamento climatico.



In breve: come i gas serra influenzano il riscaldamento globale

I gas serra intrappolano il calore nell'atmosfera terrestre, provocando un effetto di riscaldamento noto come effetto serra. Le attività umane, in particolare la combustione di combustibili fossili e la produzione di beni di consumo, hanno aumentato in modo significativo le concentrazioni di questi gas, contribuendo al riscaldamento globale e ai cambiamenti climatici.


Le conseguenze includono l'aumento delle temperature, eventi meteorologici più frequenti e gravi, l'innalzamento del livello del mare e l'alterazione degli ecosistemi. La riduzione delle emissioni di gas a effetto serra è una componente fondamentale degli sforzi globali per mitigare i cambiamenti climatici.


Tuttavia, un'efficace strategia di pulizia dell'aria e di lotta all'inquinamento deve affrontare la rimozione di altre sostanze, non solo della CO2. Vediamo alcuni esempi.


Il metano, il nemico numero 2

Il metano è un nemico globale: per unità di massa, l'impatto del metano sui cambiamenti climatici nell'arco di 20 anni è 86 volte superiore a quello della CO2; nell'arco di 100 anni è 28 volte superiore. 


Nel 2019, le concentrazioni atmosferiche di metano hanno raggiunto livelli record nella nostra atmosfera, con una quantità di metano 2,5 volte superiore a quella dell'era preindustriale. Poiché la sua vita atmosferica è così breve rispetto alla CO2, la riduzione delle emissioni di metano è sicuramente un metodo efficace per frenare il cambiamento climatico.


Il metano contribuisce anche alla formazione dell'ozono, un tipo di inquinante atmosferico che peggiora la qualità dell'aria e riduce i raccolti.


L'uomo contribuisce a circa il 60% delle emissioni di metano attraverso i combustibili fossili, l'agricoltura e i rifiuti, mentre il restante 40% proviene da fonti naturali. 


L'agricoltura è la principale fonte di produzione di metano a livello globale. Sebbene tutti i ruminanti possano produrre questo gas, le mucche sono quelle che ne producono di più, rilasciando fino a 500 litri di metano nell'atmosfera ogni giorno.


Alla COP28 i Paesi annunciano nuovi sforzi per ridurre l'inquinamento da metano


Il 4 dicembre 2023, durante il Global Methane Pledge (GMP) ministeriale della COP28, i ministri hanno espresso apprezzamento per le iniziative nazionali e i significativi finanziamenti presentati alla COP28, con l'obiettivo di raggiungere una riduzione minima del 30% delle emissioni di metano entro il 2030.


I collaboratori del GMP hanno reso noto lo stanziamento di oltre 1 miliardo di dollari in nuove sovvenzioni per iniziative legate al metano, una cifra che supera di tre volte l'importo attuale. Si prevede che questo finanziamento possa mobilitare miliardi di investimenti dedicati alla mitigazione delle emissioni di metano.





Polveri sottili: Un killer silenzioso

Un altro nemico di cui dovremmo preoccuparci davvero è rappresentato dalle polveri sottili. Un nuovo rapporto delle Accademie Nazionali delle Scienze, dell'Ingegneria e della Medicina raccomanda ai funzionari della sanità pubblica e ad altre agenzie locali e regionali di intervenire per mitigare l'esposizione al particolato fine negli ambienti chiusi.


Le polveri sottili o particolato atmosferico (PM10 e PM2,5) sono materiali molto fini che possono contenere sostanze dannose per la salute come metalli pesanti, solfati e nitrati.

Queste particelle di polvere sono così leggere che possono rimanere sospese nell'aria ed essere respirate. Sono anche in grado di assorbire gas inquinanti e vapori tossici che raggiungono i polmoni.


Le polveri sottili si dividono in due categorie, a seconda della dimensione media delle particelle.

PM10 - Particolato grossolano: è costituito da particelle, polvere, pollini e spore con un diametro superiore a 10 µm (micron), il cosiddetto PM10. Un micron equivale a un milionesimo di metro o a un millesimo di millimetro.


PM2,5 - Particolato fine: si tratta di polveri con dimensioni di circa 2,5 micron, cioè PM2,5.


Polveri ultrafini o respirabili: sono quelle polveri con dimensioni comprese tra 1 e 0,1 micron. Al di sotto di queste dimensioni si parla di nanopolveri.


Le particelle ultrafini sono quelle che i sistemi di ventilazione difficilmente catturano. Ecco perché una strategia per l'aria pulita non dovrebbe affidarsi a un'unica soluzione, ma piuttosto a un protocollo che combini diverse tecnologie con caratteristiche diverse.


Virus e Batteri, l’altra faccia della qualità dell’aria


Venezia. Inizio del XV secolo. Nebbia fitta, alta umidità, giornate cupe. Le istituzioni repubblicane stabilirono che tutte le navi dovevano essere sottoposte a un periodo di isolamento di 40 giorni per garantire che non portassero malattie.


600 anni dopo, lottiamo ancora contro gli agenti patogeni e i batteri presenti nell'aria, sulle superfici e sulla pelle. La contaminazione incrociata - che si verifica quando gli agenti patogeni vengono trasferiti da una superficie o da una persona all'altra - non è più un problema che si verifica negli ospedali. La contaminazione incrociata è ovunque, come ha dimostrato la pandemia.


Perché è così importante combattere virus e batteri?

Ci sono diversi motivi per cui è importante combattere virus e batteri nell'ambito di una strategia per l'aria pulita:


  • Salute delle vie respiratorie: La lotta contro virus e batteri riduce le infezioni respiratorie e promuove una qualità dell'aria più sana.

  • Qualità dell'aria interna: Il controllo degli agenti infettivi interni migliora la qualità dell'aria interna.

  • Prevenzione delle pandemie: Limita il potenziale di pandemie causate da virus che hanno un impatto sulla salute pubblica e sulla qualità dell'aria.

  • Riduzione delle ospedalizzazioni: Limita le infezioni gravi, riducendo i ricoveri e la 

  • pressione sui sistemi sanitari.

  • Benessere della comunità: Le comunità più sane migliorano la produttività e la qualità della vita.

  • Trasmissione per via aerea: La riduzione della trasmissione per via aerea riduce al minimo il rischio di infezioni respiratorie negli spazi pubblici.

  • Riduzione della resistenza agli antibiotici: Combattere le infezioni batteriche aiuta a preservare l'efficacia degli antibiotici.

  • Impatto ambientale: Un corretto smaltimento dei rifiuti nella lotta agli agenti infettivi contribuisce alla protezione dell'ambiente e ha un impatto indiretto sulla qualità dell'aria.

Conclusione: l'imperativo di un approccio olistico alla qualità dell'aria


Speriamo di aver cambiato il tuo punto di vista sulla qualità dell'aria. Sebbene affrontare la questione della CO2 sia fondamentale, soprattutto per quanto riguarda il riscaldamento globale, è imperativo sottolineare che la qualità dell'aria trascende il cambiamento climatico. È un'emergenza sanitaria urgente e attuale che richiede un'attenzione immediata.


Un approccio olistico alla qualità dell'aria implica non solo la riduzione delle emissioni e l'assorbimento di CO2, ma anche la purificazione attiva dell'aria da vari contaminanti. Solo attraverso un impegno globale possiamo mitigare efficacemente gli impatti negativi sulla salute umana, sull'ambiente e sull'economia.






32 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page