HQ

38 Craven Street

WC2N 5NG London, UK

ITALY
Via Bandello 16,

20123  Milan
 

U-earth Biotech ©2019

  • Grey Vimeo Icon
  • Grey LinkedIn Icon

U-earth la scienza dell'aria pura

Chi l’ha provato, non torna indietro.

 

La performance straordinaria dei sistemi U-Earth si ottiene grazie a tre componenti fondamentali su cui si fonda la tecnologia:

 

  1. i bioreattori AIRcel, prodotti in varie misure, coperti da patent internazionale.

  2. un additivo a base di microorganismi non patogeni, non geneticamente modificati, ed enzimi in una formula proprietaria completamente naturale.

  3. il know how dei tecnici di U-Earth basato su 20 anni di ricerche e esperienze sul campo.

 

Sono oltre 30 anni che la ricerca sull’utilizzo di batteri, enzimi e consorzi di microorganismi in campo ambientale viene perseguita e applicata a diverse problematiche. Tra le piu’ conosciute ci sono la bioremediation per la decontaminazione dei terreni da idrocarburi e l’utilizzo di biomasse a celle libere nella depurazione dei reflui. La tecnologia U-Earth è l’evoluzione del sistema a celle libere in un sistema a celle immobilizzate dove l’additivo U-Ox a base di microorganismi selezionati, acclimatati ai contaminanti e imbottigliati in condizioni dormienti nei nostri laboratori in USA, trova le condizioni ideali per innescare i fenomeni di captazione e digestione dei composti in sistemi miniaturizzati freestanding estremamente efficienti.

Il sistema è costituito da un bioreattore brevettato denominato AIRcel Clean Air Plant® freestanding, da collegare alla presa di corrente. L’utente deve solo aggiungere l’acqua che evapora durante il fuzionamento (ogni 5-6 gg), e un additivo enzimatico chiamato U-Ox® ogni 30 giorni.

Ogni 4 mesi è consigliabile svuotare completamente e sciacquare i bioreattori da eventuali scorie (innocue) depositate sul fondo.

 

TECNOLOGIA DELLE CELLULE IMMOBILIZZATE

 

Prima dell'introduzione del bio-igienico, il processo di bio-ossidazione aveva vincoli di spazio e tempo. All'inizio il sistema utilizzava una tecnologia di cellule libere, che era un processo lento, non applicabile agli ambienti interni e causava disagi nello smaltimento.

I recenti progressi nella tecnologia delle cellule immobilizzate hanno sviluppato il processo di bio-ossidazione.

Combinata con la progettazione dell'elemento BioStack® Cartridge Element nel nostro bio-sistema, la tecnologia di immobilizzazione è il passaggio attraverso cui viene portata la forza degli enzimi e dei microorganismi ai piccoli utenti.

I biofilm immobilizzati sono un sottoinsieme della immobilization technology. Le cellule immobilizzate sono di gran lunga superiore alle cellule libere per le seguenti ragioni:

 

  • le cellule sono organizzate back to back e non sono esposte agli attacchi di sostanze chimiche o microbi

  • le cellule formano un gel di protezione sottile che le rende ulteriormente resistenti ai componenti altamente tossici

  • le cellule immobilizzate rimangono nel biofilm e non nel fondo del serbatoio come succede alle cellule libere

  • possono essere utilizzate per pulire sia l'aria che l'acqua · non si lavano via quando viene usato un alto flusso di liquido

  • il biofilm è riutilizzabile: l'acqua o l'aria possono essere riciclate nello stesso biofilm migliaia di volte aumentando così la produttività e l'efficienza.

 

All'interno di ogni AIRcel e di ogni WATERcel è contenuto un BioStack® Cartridge Element. L'elemento BioStack® ha una configurazione a spirale che massimizza lo spazio della superficie, elimina i “gaps” e non necessita di sostituzione.

 

Grazie all'efficace rivestimento dell'intero elemento con un film bio-organico, questa superficie attiva digerisce tutti i tipi di VOC e componenti organiche eliminando gli odori e i contaminanti dell'aria che essi creano.

La configurazione del BioStack® genera una “zona pulita” elettricamente neutra che attrae sia le particelle cariche positivamente sia quelle cariche negativamente. Il particolato, i gas e i vapori vengono catturati all'interno dell'unità, ossidati biologicamente dai microorganismi e dagli enzimi ed infine eliminati.

Come risultato di questo processo si ottengono sia aria che acqua pulite. Questa soluzione unica del BioStack® Cartridge Element nell'unità che utilizza l'ossidazione biologica per “tritare” i contaminanti presenti nell'aria e nell'acqua, si dimostra, negli impianti di trattamento piccoli e compatti, veloce, efficace ed economica.

Particolato catturato, visibile nei bioreattori: 

 

dopo 3 giorni
dopo 15 giorni